Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘con’

BALLANDO CON LEI

Una carezza sul viso, come ali di farfalla.
Un sussurro all’ orecchio, come voce d’angelo
Un bacio, il risveglio da un sogno che riporta a sognare.
Come la rugiada mattutina, il tuo bacio disseta le labbra,
Come fiori si aprono ai primi raggi dell’aurora tu apri il mio cuore
sei la mia aurora, il mio giorno, la mia sera
la mia notte, il mio sogno.
Sogno, desiderio, passione, mi portano a te in un volo di emozioni
che vivo giorno dopo giorno. Il desiderio di averti si confonde
con la paura di perderti in un vortice di emozioni da cui non voglio uscire.
Vivere nell’essenza di te, materializzare un sogno, questo desidero
ma i desideri a volte sono vicini al nulla e il calore di una
certezza sembra non giungere mai.

Sali,
sali sulle ali del piacere,
dove ogni sogno diviene realtà,
dove non potremo mai volare.
Affido la mia anima ai tuoi magici e sapienti occhi,
affinche ci sia ancora domani,
regalami la gioia di immaginare un mondo migliore
e accompagnami per mano nei momenti tristi della triste realta ,
in questi due mondi così lontani
tra di loro ma cosi uniti
nel mio cuore

Addio….
a te ho guardato come un bimbo guarda una farfalla…
che si posa sul fiore…
e con la mano…
ha creduto di poterla afferrare….
sorpreso….e deluso!!
Scopre che non era
una farfalla
e nemmeno un fiore

Simone

Read Full Post »

Che mi ami tu lo dici, ma con una voce
Più casta di quella d’una suora
Che per sé sola i dolci vespri canta,
Quando la campana risuona –
Su, amami davvero!

Che mi ami tu lo dici, ma con un sorriso
Freddo come un’alba di penitenza,
Suora crudele di San Cupido
Devota ai giorni d’astinenza –
Su, amami davvero!

Che mi ami tu lo dici, ma le tue labbra
Tinte di corallo insegnano meno gioia
Dei coralli del mare –
Mai che s’imbroncino di baci –
Su, amami davvero!

Che mi ami tu lo dici, ma la tua mano
Non stringe chi teneramente la stringe;
È morta come quella d’una statua
Mentre la mia brucia di passione –
Su, amami davvero!

Su, incendiamoci di parole
E bruciandomi sorridimi – stringimi
Come devono gli amanti – su, baciami,
E l’urna, poi, delle mie ceneri seppelliscila nel tuo cuore –
Su, amami davvero!

Johon Keats (1795-1821)

Read Full Post »

Iscinta e scalza, con le trezze avvolte,
e d’uno scoglio in altro trapassando,
conche marine da quelli spiccando,
giva la donna mia con le altre molte.

E l’onde, quasi in sé tutte raccolte,
con picciol moto i bianchi piè bagnando,
innanzi si spingevan mormorando
e ritraènsi iterando le volte.

E se tal volta, forse di bagnarsi
temendo, i vestimenti in su tirava,
sì ch’io vedeo più della gamba schiuso,

oh, quali avria veduto allora farsi,
chi rimirato avesse dov’io stava,
gli occhi mia vaghi di mirar più suso!

Giovanni Boccaccio

Read Full Post »